Endodonzia

Endodonzia o cura canalare costituisce le fondamenta su cui poggia ogni trattamento di un dente naturale. E’ una delle branche dell’odontoiatria che più ha subito un upgrade tecnologico negli ultimi tempi.
La non corretta esecuzione della stessa può portare alla formazione di cisti, granulomi o fratture radicolari.
La tecnica più avanzata di endodonzia e universalmente riconosciuta come la più attuale, prevede per la detersione e la sagomatura del canale radicolare, l’utilizzo di una tecnica manuale e meccanica associate.

Dopo aver utilizzato un RX e uno strumento elettronico per la misurazione della lunghezza del canale, si mette in pratica questa tecnica combinata volta ad ottenere la detersione e sagomatura del canale a cui seguirà una chiusura tridimensionale dell’apice della radice con un materiale chiamato “gutta perca”.

Questa fase può essere seguita da una semplice ricostruzione della stessa corona o, nel caso di una grossa perdita quantitativa di dente, si ricorre ad una ricostruzione tramite un perno in fibra.
La tecnica appena illustrata non si applica nel caso in cui si trattino denti decidui o denti da latte.

Nei bambini la carie si espande arrivando velocemente al fascio vascolo nervoso del dente che è molto più voluminoso che in un adulto.
Si andrà quindi ad eseguire sempre una cura canalare ma in maniera più semplificata ed immediata poiché è bene ricordare che è essenziale conservare il dente deciduo il più integro e il più a lungo possibile per mantenere le funzioni essenziali funzioni masticatorie, fonatorie e di corretto e armonico sviluppo dello scheletro facciale.

share on